Ho fatto volantinaggio, magazziniere per i bar dell'aeroporto, lavorato in catena di montaggio, distribuito rubriche del telefono, educatore coi ragazzini, giardiniere con mio padre, illustratore per una rivista... poi mi son laureato in architettura e dal 2000 faccio lo scenografo di eventi. Forse avrei preferito fare il calciatore, o lo scrittore, ma mi piace anche quello che faccio.

Il mio lavoro dar forma a un'idea, trasformare in una scenografia gli input del cliente, ma, ancor prima, decifrare gli input del cliente. Per questo cerco di fare sempre pi domande possibili.

Lo scenografo una sorta di sarto per aziende.



Come una donna, per mostrarsi al meglio, si fa fare un vestito dal sarto, l'azienda, per presentarsi ad un pubblico, va dallo scenografo che gli costruisce su misura il vestito pi adatto all'occasione. E' un vestito che deve essere bello, ma deve anche fare i conti con chi lo taglia e lo cuce (...il macchinista), chi compra la stoffa (...l'ufficio acquisti), chi lo fa risaltare (...il tecnico luci), chi presenta il modello (...l'account).

La scenografia esce tanto meglio quanto io riesco a capire le esigenze di tutte queste persone, e quanto io riesco a far capire loro il mio progetto... e anche questo un lavoro.

Tutto il mio lavoro inizia con immagini, prese da mostre, giornali, film. Tutto quello che visivamente mi colpisce, mi rimane nella mente e in qualche modo esce quando comincio a fare uno schizzo, che poi diventa un disegno Cad e poi un Render ...e poi lo discuto con l'account per capire se la direzione giusta, e col tecnico, per vedere come fare per farlo costare poco, e via via con tutte le altre persone che partecipano al progetto.

La soddisfazione pi grande quando qualcuno alla fine ti dice "bel lavoro!".
L'altra soddisfazione pi grande son le persone incontrate sui lavori e con cui son diventato amico.